EXTRA SOCIAL

Sceicchi in Italia, comprano il club: annuncio UFFICIALE del presidente

Scritto da Staff CS  | 

Il calcio italiano ha aperto il fronte agli sceicchi. I fondi del medio oriente hanno deciso di iniziare ad investire anche in Italia, così come hanno già iniziato a fare negli altri Paesi del continente europeo.

Sceicchi in Italia, comprano il club: l’annuncio

Molto preso il calcio italiano aprirà le porte anche agli sceicchi. Il campionato italiano ha attratto gli occhi dei magnati qatarioti che, ora, sono pronti a fiondarsi in Italia. Le proprietà autoctone, ormai sembrano aver fatto il proprio corso e fondi cinesi, americani e mediorientali sono pronti a prelevare le società.

Tra le varie proprietà straniere, infatti – ad oggi – in Serie A manca ancora quella gestita dagli sceicchi. Non è assolutamente da escludere un ingresso trionfante nel nostro calcio di aziende medio orientali.

Secondo le ultime notizie, il Pescara di Daniele Sebastiani è pronto alla cessione: non si conosce il nome dei nuovi proprietari ma si parla di un fondo gestito da sceicchi.

Cessione Pescara, parla Sebastiani: l’annuncio è ufficiale

Il presidente del Pescara, Daniele Sebastiani ha annunciato l’arrivo di un nuovo socio e la cessione del club. L’attuale numero uno degli abruzzesi, ha parlato di un nuovo ingresso in società molto importante che, inizialmente, cheide la sua permanenza.

Ai microfoni de Il Centro, Sebastiani ha parlato della cessione del Pescara. Attualmente militante in Serie C, il club abruzzese sta per passare di mano.

“Presto non sarò più da solo a decidere, c’è la certezza che a breve ci saranno degli ingressi in società. Tutte le cordate con cui sto parlando vogliono la mia presenza e quindi sarà una cessione graduale e all’inizio affiancherò i nuovi. A breve saprete anche chi sono”.

Sebastiani dice addio al Pescara: cessione imminente

Pochi giorni fa si è parlato insistentemente della cessione del Pescara ad un fondo gestito da sceicchi. Il presidente ha, poi, confermato la possibile cessione ma non ha aperto anche a fondi italiani e non solo stranieri.

“Chi subentrerà vuole che io resti per un periodo. Io mi sono scocciato di subire questa situazione da parte dei tifosi del Pescara. Giusto che mi sposti e che mi faccia da parte e che il Pescara continui a fare la sua storia in mano ad altri imprenditori e che venga gestito da persone serie, che possano garantire un futuro tranquillo al club”.