L'INTERVISTA

L’ex si lamenta: “Non tengono conto di chi ha scritto la storia”

Scritto da Andrea Sperti  | 

Dani Alves, ex terzino del Barcellona, ha rilasciato alcune dichiarazioni al The Guardian, lamentandosi del modo di fare della dirigenza blaugrana: 

“Il Barcellona non tiene conto di chi ha scritto la storia del club. Sono stato felice di tornare. Per 5 anni ho sognato quel momento per la seconda volta ma non mi è piaciuto come è stato gestito il mio addio. Eppure al mio arrivo ho detto: ”Non ho 20 anni, facciamo le cose a testa alta senza nascondere nulla". Oggi ci sono tanti ragazzi forti ma non hanno la nostra mentalità. A culê, vorrei che il Barcellona facesse le cose in modo diverso. Non parlo di me stesso perché la mia situazione era un altro scenario. Sono eternamente grato a Xavi e al presidente per avermi riportato indietro. Mi piacciono le sfide e mi adatto a qualsiasi situazione. Oggi sono disoccupato, ma sono emerse cose interessanti. Sto facendo il mio studio sui posti dove andare che hanno un buon livello di competitività. Questo è il calcio. Devi stare insieme a persone che vogliono lo stesso obiettivo, che vogliono competere, vincere. Mi piace vincere. Voglio andare da qualche parte in cui posso vincere. So che tutti parlano della mia età, che sono vecchio, che 20 anni fa tutti mi volevano e oggi no. Ma sono completamente in disaccordo perché oggi ho un'esperienza che non avevo 20 anni fa. Quando c'è una partita importante, i ventenni diventano nervosi e preoccupati, ma io no. L'età ha i suoi pro e contro: ci sono molte cose che fai quando hai 20 anni, ma non le fai quando sei più grande. La maturità viene dal solo vivere. Ho anche l'esperienza di aver vissuto quasi tutto nello sport".