TRA FENOMENI

Kakà e la videochiamata con un bomber particolare: lo avete riconosciuto?

Scritto da Andrea Sperti  | 

Kakà, ex campione della Nazionale brasiliana e del Milan, ha pubblicato una Instagram Stories mentre parla al telefono con Mbappé, autentico fuoriclasse del Paris Saint Germain.

Non è escluso che l'ex fenomeno brasiliano abbia consigliato al francese di trasferirsi al Real Madrid, per provare a vincere tutto con i Blancos.

KAKÀ NEL REAL 

Ha esordito con i Blancos il 29 agosto 2009 in Real Madrid-Deportivo La Coruña 3-2, anticipo della prima giornata della Liga 2009-2010. Il 23 settembre 2009 ha segnato la sua prima rete con il Real Madrid, realizzando il calcio di rigore del definitivo 2-0 contro il Villarreal e il 21 febbraio 2010, sempre contro il Villarreal, ha realizzato la sua prima doppietta con i Blancos.Durante la stagione le presenze in campo e il rendimento di Kaká sono stati condizionati dalla pubalgia,a causa della quale il giocatore brasiliano si è dovuto sottoporre a specifiche cure mediche e svolgere un apposito lavoro di potenziamento fisico. Al termine della sua prima stagione in Spagna, il Real Madrid si è classificato al secondo posto nella Liga, alle spalle del Barcellona.

Il 5 agosto 2010 il Real Madrid ha annunciato che Kaká si è sottoposto ad un intervento al ginocchio sinistro per curare una lesione al menisco e che quindi sarebbe dovuto stare fermo per 4 mesi. Il giocatore brasiliano è tornato in campo il 3 gennaio 2011, a 240 giorni di distanza dall'ultima partita disputata con i Real Madrid, in occasione della gara di campionato esterna contro il Getafe, partita nella quale è subentrato a Benzema a 20 minuti dalla fine. Il 9 gennaio 2011, nella successiva gara di campionato contro il Villarreal, Kaká è tornato al gol con la maglia dei “Blancos” dopo 11 mesi dalla marcatura precedente, realizzando su assist di Cristiano Ronaldo la propria prima rete stagionale che ha fissato il punteggio finale sul 4-2 in favore del Real Madrid. Ha terminato la stagione 2010-2011 con 14 presenze e 7 gol nella Liga, conclusa ancora al secondo posto alle spalle del Barcellona, e vincendo la Coppa del Re dopo aver battuto in finale proprio i catalani.