RABBIA

Cassano: “ Donnarumma? Disastro, solo casini. A un certo punto...". E lo demolisce così

Scritto da Staff CS  | 

Per il Psg un momento no, per Gigio Donnarummapure. I paragini cadono anche in Champions League contro il Bayer Monaco al Parc des Princes, dopo l'eliminazione in Coppa di Francia contro il Marsiglia e la sconfitta in campionato contro il Monaco. L'errore del portiere ex Milan, nel gol di Coman, però, è veramente pesante e da lì in poi il Bayern ha indirizzato il match sui binari a lui più consoni. Nemmeno l'entrata in campo di Mbappé ha sovvertito l'inerzia del match. Antonio Cassano , alla Bobo TV , ha analizzato la sfida: "Quando entra [al 57′ sul risultato di 1-0 ndr] la squadra perde in profondità" sottolinea Cassano. “Lui è vero quando ha la palla parte e se ne va e ha messo in difficoltà la difesa tedesca, ma il gioco ne ha risentito”.

Cassano: “Donnarumma disastri su disastri, che errore col Bayern”
Poi il momento dell'attacco a Donnarumma: "Non potevo vedere due partite in contemporanea, c'era il Milan da un parte ma di là c'era il Bayern… tanta roba — aggiunge Cassano —. Cosa mi avevi detto subito gli Europei, Bobo? Io non dimentico, quando mi parlate io ascolto e ricordo e sono sempre sul pezzo… cosa mi avevi detto?”. Cassano ad arrivare subito al punto della domanda: "Mi hai detto che il portiere più forte del mondo è Donnarumma… Il più forte? Sta facendo disastri su disastri, altro che ". L'analisi è cruda e spietata: "Un disastro completo, continua a fare casini su casini anche stasera, così come contro il Monaco… Arrivi ad un certo punto in cui poi devi solo dimostrare di valore… Ha fatto un errore pazzesco e clamoroso“.

Cassano: “Giocare in Italia è un'altra storia”
E anche quando Adani prova a ricordare le parate decisive che hanno evitato un passivo ancora più pesante, Fantantonio non ci sta: "Ma sì, è vero ma quelle vengono dopo, sono successive all "errore. È stata per lui una settimana pesante, ho letto che ci sono stati dei litigi nello spogliatoio, non sono contenti delle sue prestazioni. La verità è che una cosa è stare in Italia e giocare in Italia, dove ti calcia mia madre, mio cugino, Nicola (Ventola) con le ciabatte… Poi quando ti capitano queste situazioni qui, dove ci sono dei giocatori seri, capitano queste cose qua: Coman ha fatto un tiro centrale, normale e tu fai una brut robatissima…”.