IL PAPERO

Per l’ex di Barbara Berlusconi ecco la nuova macchina! Non manca il rosso e il nero

Scritto da Andrea Sperti  | 

Chissà come sarebbe andata la carriera di Pato se ad un certo punto gli infortuni non lo avessero costretto a tanti stop.

L'ex rossonero da giovanissimo sembrava un'assoluta promessa del calcio mondiale ed ora gioca in MLS, provando a terminare con qualche gioia la sua gloriosa carriera.

PATO CON IL MILAN 

Il 2 agosto 2007, all'età di 17 anni, è stato acquistato dal Milan per 22 milioni di euro, la cifra più alta mai pagata per un minorenne. A causa delle norme FIFA che impediscono i trasferimenti internazionali di minorenni, il Milan ha dovuto aspettare la riapertura invernale del mercato per tesserarlo ufficialmente. Infatti, fino al 3 gennaio 2008, ha potuto disputare con i rossoneri solo partite amichevoli. Ha sfruttato questo periodo senza poter disputare incontri ufficiali per integrarsi nel gruppo del Milan allenandosi a Milanello.

Il 4 gennaio 2008 è stato depositato in Lega Calcio il suo contratto, cosicché Pato è diventato un giocatore effettivo della squadra rossonera. Legato al Milan con un accordo quinquennale da circa 2 milioni di euro a stagione, ha scelto di vestire la maglia numero 7.

Pato ha fatto il suo esordio in Serie A il 13 gennaio 2008 a San Siro contro il Napoli, segnando il suo primo gol ufficiale con la maglia rossonera, siglando il 5-2. Anche con il Milan Pato è andato in gol all'esordio, come già accaduto in precedenza con l'Internacional e il Brasile Under-20. Il 20 febbraio ha esordito in Champions League all'Emirates Stadium di Londra contro l'Arsenal. Ha chiuso la stagione con un bottino di 9 gol in 20 partite.

Con l'arrivo di Ronaldinho nell'estate del 2008 e complice anche l'assenza per infortunio di Borriello,[32] il ragazzo di Porto Alegre si è adattato a giocare come prima punta.[33] Nella prima parte della stagione 2008-2009 ha realizzato il primo gol nelle coppe europee il 18 settembre 2008 nel 3-1 contro lo Zurigo nel primo turno di Coppa UEFA. A fine stagione è risultato il capocannoniere rossonero con 18 marcature totali (15 in campionato e 3 in Coppa UEFA).

Nell'annata successiva, il 21 ottobre 2009, ha siglato le sue prime reti in Champions League realizzando una doppietta al Santiago Bernabéu contro il Real Madrid che ha fissato il risultato finale sul 3-2 per i rossoneri. La sua stagione, chiusa comunque con 14 reti complessive, è segnata da diversi problemi fisici.