EXTRA SOCIAL

Euro 2024, Mancini taglia tre teste: attacco rivoluzionato

Scritto da Staff CS  | 

Per l’Italia, reduce dall’ennesima clamorosa esclusione dai Mondiali di calcio, è tempo di ripartire, e lo farà proprio sotto la guida di Roberto Mancini, che ha deciso, nonostante la cocente batosta, di rimanere sulla panchina della Nazionale italiana. Per gli azzurri la prossima chance di redimersi da questa grandissima delusione, almeno in parte, sarà a giugno, mese nel quale dovranno affrontare ben quattro match di Nations League anche contro avversari di grande prestigio come Germania e Inghilterra.

Però la mente dei sostenitori della Nazionale, desiderosi di rivivere quelle tanto gioiose “notti magiche” della scorsa estate, è già inevitabilmente catapultata a Euro 2024, il primo vero e proprio palcoscenico in cui l’Italia potrà riacquistare fiducia e credibilità a livello internazionale dopo la clamorosa disfatta firmata Qatar. Anche Mancini avrebbe già messo nel mirino questo importante torneo in terra tedesca, e proprio a tal proposito, starebbe già riflettendo sulle prossime convocazioni, con ben tre giocatori che potrebbero concretamente dire addio alla maglia azzurra.

Euro 2024, l’Italia inizia coi preparativi: Mancini fa fuori tre senatori della Nazionale

Dopo la grande vittoria di Euro 2020, ma soprattutto dopo l’ennesima esclusione da un Mondiale, l’Italia è chiamata a tornare a splendere nei prossimi Europei, che si terranno come sopraccitato in Germania tra i mesi di giugno e luglio del 2024. Per disputare un grande torneo sarà però necessaria una rivoluzione all’interno della rosa della Nazionale, con diversi giocatori che potrebbero pagare cara l’esclusione da Qatar 2022.

In primis, uno dei reparti più nel mirino del CT Mancini sarebbe lo sterile attacco della Nazionale, e proprio i due centravanti italiani Ciro Immobile e Andrea Belotti potrebbero essere al termine della propria avventura in azzurro. Infatti sia il rendimento con la maglia azzurra del giocatore laziale, a secco da ben 7 partite, che del capitano granata, che non trova un centro con la maglia dell’Italia dal lontano 28 maggio 2021, è parecchio deludente, e anche nelle ultime partite è risultato lampante l’inadeguatezza e la poca lucidità dell’attacco della rosa.

Anche Lorenzo Insigne, che in estate andrà a Toronto, potrebbe pagare questa sua scelta e il rendimento sottotono nelle ultime apparizioni, con l’esclusione dal gruppo dei convocati, con Mancini che avrebbe intenzione di rivoluzionare l’attacco della squadra dando le chiavi in mano a giovani talenti quali Scamacca e Raspadori, a segno con una doppietta nell’ultima partita contro la Turchia. Basteranno questi innesti per cambiare quanto prima possibile l’andamento della Nazionale italiana?