EXTRA SOCIAL

Roma, rivoluzione in l’attacco: Mou prende tutto

Scritto da Staff CS  | 

La rivoluzione non russa, recitava un celebre slogan del quotidiano “Il Manifesto”. Se la politica non corresse il rischio di far venire l'orticaria alla proprietà americana, potrebbe mutuarlo anche a Trigoria. Sotto la regia di José Mourinho, infatti, la voglia di fare una sorta di piazza pulita in alcuni reparti è grande. A centrocampo l'arrivo di Matic sta già spostando gli equilibri, ma anche in attacco la Roma comincia a giocare una partita vera. Dando quasi alle battute finali la trattativa per Ola Solbakken, il 23enne attaccante del Bodo Glimt, che a andrà in scadenza di contratto a dicembre e con cui c'è già l'accordo col giocatore, sta lievitando anche l'ipotesi una accoppiata “linea verde-esperienza” che potrebbe interessare parecchio allo Special One. Si tratta di Dries Mertens, 35 anni,  svincolato dal Napoli e fresco di ruggini col club partenopeo per il rinnovo di contratto, e Yunus Akgun, 21 anni, di proprietà del Galatasaray, ma che nella stagione appena conclusa ha giocato nell’Adana Demirspor di Vincenzo Montella. A riferirlo è la Gazzetta dello Spor.

QUANTE USCITE

Naturalmente, spiega la rosea, tutto deve incastrarsi con le uscite previste. Nonostante le sirene inglesi, Tammy Abraham è considerato inamovibile per la prossima stagione, mentre la questione Zaniolo è quella che orienterà parecchio, ma non si scioglierà a breve. In partenza, invece, ci sono Carles Perez, che piace al Villarreal, ed El Shaarawy, che interessa a Monza ed Atalanta. Discorso diverso per Shomurodov e Felix. L’uzbeko, pagato 20 milioni un anno fa, è difficile da cedere senza fare minusvalenza, così eventualmente potrebbe andare in prestito così come restare. Il ghanese, invece, potrebbe restare senza problemi come apprendista goleador, ammesso che per lui non arrivi una richiesta in prestito che gli garantisca un congruo numero di presenze.

IDEA MERTENS

Morale: una volta fatto spazio anche al livello salariale ai nuovi acquisti, la dirigenza giallorosa potrebbe prendere in esame un altro svincolato di lusso come Mertens. Il belga, che spesso ama venire nella Capitale insieme a sua moglie, è stato offerto (anche) alla Roma, dopo che il Napoli ha respinto le sue richieste di stipendio intorno ai 4 milioni. Per mettersi agli ordini di Mourinho il belga sarebbe disponibile anche a scendere a circa 3,5 milioni, ma la valutazione deve essere fatta pure in relazione alla carta d’identità, nonostante i 35 anni dell’attaccante gli forniscano una invidiabile integrità, oltre che una duttilità tattica straordinaria.

MOU E L’AEROPLANINO

Il discorso cambia quando parliamo di Akgun. Il ragazzo ha chiuso una stagione con ottimi numeri. In 39 partite, infatti, ha segnato 9 gol e fornito 17 assist. Brevilineo di piede sinistro, ama partire da destra per accentrarsi. In certi movimenti, visto anche le lezioni che ha avuto durante l’anno, dicono che ricordi proprio Montella, che di lui ha detto: “Akgun è un classe 2000 con qualità immense. È veloce, rapido nello stretto, molto tecnico e freddo sotto porta. Purtroppo da noi è solo in prestito dal Galatasaray. È il giocatore che mi ha colpito di più tra quelli che ci sono qui”. Fonti turche rivelano che Mourinho avrebbe chiamato lo stesso Montella per farsi spiegare meglio le qualità dell’attaccante, che dicono sia ormai molti vicino ai giallorossi. L’accordo col giocatore, vista l’età, ovviamente non è un problema, mentre la valutazione che ne dà il Galatasaray è intorno ai 7 milioni. Fattibile, soprattutto se Akgun mantenesse tutto ciò che promette.

BERARDI IN LISTA

A proposito di mancini già rodati, resta viva la pista che porterebbe a Berardi qualora Zaniolo partisse. Il giocatore – sulle cui tracce però c'è anche la Juventus – piace allo Special One che, a quotazioni non superiori ai 20 milioni, è interessato anche a Frattesi del Sassuolo. Inutile dire che il ragazzo, cresciuto a Trigoria, tornerebbe a Roma con grande piacere. Per chiudere il discorso attacco c'è da registrare che da Valencia sta prendendo sempre più piede la notizia dell'interesse della società giallorossa per il portoghese Guedes, da tempo avvicinato alla Roma. La sensazione, però, è che prima di decidere gli investimenti importanti, la famiglia Friedkin voglia vedere come prosegue il domino delle cessioni, a partire da quella eventuale di Zaniolo. Sarà quello, infatti, il vero spartiacque del mercato della Roma.