LA BOTTA

Malconcio ma sorridente: che è successo al centrocampista bianconero?

Scritto da Andrea Sperti  | 

Manuel Locatelli, centrocampista di proprietà della Juventus, ha preso un brutto colpo nel match di domenica scorsa contro l'Inter ed è stato costretto poi a lasciare il terreno di gioco. 

Il centrocampista bianconero, in ogni caso, ha voluto rassicurare tutti i suoi tifosi, con un post su Instagram, nel quale ha tranquillizzato il popolo juventino.

Ecco di seguito la foto: 

AL MILAN

Originario di Galbiate, incomincia a giocare nella squadra oratoriale del Pescate, allenata da suo padre Emanuele. Dopo alcune stagioni nelle giovanili dell'Atalanta, a 11 anni passa al Milan. In rossonero gioca dagli Esordienti alla Primavera.

Nella seconda parte della stagione 2015-2016 viene aggregato alla prima squadra sotto la guida dell'allenatore Cristian Brocchi. Il 21 aprile 2016, a 18 anni, esordisce in Serie A nella partita contro il Carpi (0-0) disputata a San Siro. Il successivo 14 maggio gioca la sua prima partita da titolare, nell'ultima partita del campionato in casa contro la Roma.

Nella stagione successiva trova spazio con l'allenatore Vincenzo Montella, che lo impiega con continuità dopo l'infortunio occorso a Montolivo. Il 2 ottobre 2016 realizza il suo primo gol in Serie A nella partita vinta 4-3 contro il Sassuolo. Il 22 ottobre realizza il gol decisivo nella classica contro la Juventus, vinta per 1-0 (riuscendo a far trionfare il Milan sui bianconeri dopo quattro anni),[9] contro cui il 23 dicembre si aggiudica, da titolare, anche la Supercoppa italiana, primo trofeo della sua carriera. Il 25 gennaio 2017, ancora in una sfida con i bianconeri, riceve la sua prima espulsione da professionista. Termina la stagione con 25 presenze in campionato.

All'inizio della stagione successiva, il 3 agosto 2017, fa il suo esordio nelle coppe europee, giocando titolare in occasione della partita di ritorno del terzo turno preliminare di Europa League vinta per 2-0 contro i rumeni del U Craiova. Spesso titolare in Europa League, in campionato ottiene solo 21 presenze in quanto nel suo ruolo gli viene preferito il più esperto Lucas Biglia arrivato in estate. Conclude tuttavia la stagione con 33 presenze totali.