EXTRA SOCIAL

Serie A, slitta l’inizio del campionato: il motivo

Scritto da Staff CS  | 

A poche settimane dall’inizio della prossima stagione sportiva si ipotizza di far slittare l’inizio del campionato di Serie A. Il motivo.

Serie A: slitta la prima di campionato?

Il prossimo Mondiale in Qatar ha obbligato la Lega ad anticipare di due domeniche l’inizio del campionato italiano. Una decisione quasi obbligatoria, che potrebbe però essere presto valutata e rivista. Infatti è sempre più probabile che la prima giornata di Serie A possa slittare.  
 

A lanciare l’allarme è stato proprio il presidente della Lega Serie A Lorenzo Casini che, impegnato in una visita alla Dacia Arena di Udine, ha appunto confermato la possibilità che la prima giornata di campionato, in programma nel week-end di ferragosto, possa essere spostata.
 

Slitta l’inizio Serie A: il motivo

Perchè prende sempre più quota la possibilità che la prima giornata di Serie A possa slittare? Ad oggi non c’è alcuna indiscrezione che faccia credere che questa decisione possa presto essere presa, ma il motivo principale per il quale l’inizio della Serie A potrebbe slittare è il caldo record che si sta registrando in Italia negli ultimi giorni. 

Non a caso, il presidente della Lega Lorenzo Casini si è così espresso sulla questione: “La principale preoccupazione che abbiamo per la stagione che sta per iniziare è legata al clima. L’eventuale persistere delle attuali, quasi proibitive, temperature renderebbe alquanto complicato l’inizio della prossima stagione di Serie A, in programma nel week-end di ferragosto.”

Serie A: Casini, il Mondiale ed il futuro del calcio italiano

Nella visita alla Dacia Arena, il presidente della Lega Serie A Lorenzo Casini ha anche detto la sua sul prossimo mondiale e sul futuro del calcio italiano: “La prossima stagione di Serie A sarà alquanto particolare. Il Mondiale nel mese di novembre stravolge completamente i piani nostri e delle altre Leghe, e sarà triste doversi assistere senza la partecipazione della nostra amata Nazionale Azzurra. Che questa delusione possa però essere da monito per iniziare ad investire sempre di più sui giovani italiani nel nostro campionato.”