EXTRA SOCIAL

Serie A, crollo degli ascolti: ecco cosa vuole fare DAZN

Scritto da Staff CS  | 

DAZN sarà ancora il principale servizio per seguire la Serie A, nella stagione 2022/2023. Dopo un crollo degli ascolti, rivelato questa mattina da dati ufficiali, occhio anche a quelle che saranno le modalità per abbonarsi e vedere la Serie A nella prossima annata.

Serie A, abbonamento a DAZN: ecco come funzionerà

DAZN continuerà a trasmettere le partite di Serie A di tutte le 38 giornate di campionato, nella prossima Serie A. La volontà della piattaforma streaming è attirare il più possibile i propri spettatori, con pacchetti e offerte che non mancheranno, come accaduto per l’annata appena conclusa.

Oltre alla Serie A una varietà di sport enorme, con concorrenza a Sky Sport e altre emittenti che trasmettono eventi in diretta, dello sport italiano.

DAZN potrebbe aumentare i costi del suo abbonamento, secondo i colleghi di Calcio&Finanza, con il passaggio dai 19,90 euro, ai 29,90 euro al mese. Non sarà dunque non più disponibile l’abbonamento mensile a tali cifre, salvo qualche pacchetto che potrebbe permettere agli utenti di restare alle condizioni attuali. Ma non è l’unica novità che riguarderà il pacchetto degli abbonamenti a DAZN.

DAZN, cambia l’abbonamento e la doppia utenza: le ultime

L’abbonamento, in cifre e costi, potrebbe essere diverso per la Serie A 2022/2023, ma non è l’unica novità per la piattaforma. DAZN potrebbe infatti interrompere la doppia utenza, per chi usufruisce della visione contemporanea delle partite su unico account. Nello scorso novembre del 2021 era stato rivelato che la piattaforma avrebbe impedito ad un singolo utente di usufruire di più dispositivi, per seguire le partite di calcio, a causa degli eccessivi utilizzi dello stesso singolo utente medio.

 

DAZN, rischio crollo abbonamenti: i tifosi insorgono

DAZN rischia dunque un crollo di ascolti, a causa di chi non vorrà sottoscrivere l’abbonamento. Sui social si è manifestato il malumore dei tifosi, circa la posizione stessa di DAZN, che non permetterà – come già aveva specificato nella stagione appena conclusa – di usufruire di più dispositivi per seguire gli eventi in onda su DAZN.