AMICI E NON SOLO

Batistuta show in Qatar: padel, il siparietto con Cambiasso e la frecciata a Scaloni

Scritto da Staff CS  | 

Tra le tante glorie del passato prossimo del calcio internazionale che stanno vivendo il Mondiale “in loco”, Gabriel Omar Batistuta è una di quelle che sta riscuotendo più consensi e interesse da parte di tifosi e addetti ai lavori. Il Re Leone, tornato nel pieno della forma dopo aver risolto i problemi di salute che lo avevano afflitto negli anni scorsi, sta trepidando per le sorti della sua Argentina, senza però trascurare la possibilità di dedicarsi a ore di relax.

Batistuta, Ronaldo e il padel dei vip

A testimoniarlo la foto che l’ex attaccante di Fiorentina, Roma e Inter ha pubblicato sul proprio profilo Instagram per ritrarre il “Super Team” che si è affrontato in un match di padel svoltosi a Doha: nella foto si riconoscono infatti anche Ronaldo il Fenomeno e l'ex attaccante di Barcellona, Milan e Olanda Patrick Kluivert, con a fare gli onori di casa Nasser Al Khelaifi, proprietario del PSG e noto appassionato di padel.

Batistuta critica Scaloni: "Argentina senza gioco"

Intervistato da ESPN Argentina, Batistuta ha poi detto la propria sulla prima parte di Mondiale, senza lesinare una frecciata al ct dell’Argentina Lionel Scaloni circa il rendimento finora deludente di Lautaro Martinez: "Sto seguendo il Mondiale con attenzione, spero che l'Argentina vada il più avanti possibile. Contro il Messico contava vincere, loro erano organizzati, la squadra non ha giocato benissimo, ma Messi aveva il fuoco dentro e alla fine si è visto, ha trovato un gran gol. Lautaro? Stiamo parlando di un giocatore molto forte, ma se manca il gioco non possiamo chiedergli di fare miracoli. Ha sofferto perché l’Argentina nelle prime due partite non ha funzionato come ci si aspettava. Favorite? La Spagna mi piace, il Portogallo non mi sorprende, la Francia sì, perché ha tante assenze, ma stanno dimostrando di essere molto forti".

Cambiasso e l'omaggio all'idolo Batistuta

Speciale anche il siparietto che ha visto protagonista Bati con Esteban Cambiasso, anch’egli presente a Doha per seguire il Mondiale dal vivo e anch'egli intervistato da ESPN: "Rivedere Bati mi ha commosso perché sappiamo il problema che ha avuto. Per me è stato ed è un idolo, non voglio ricordargli che è più grande di me, ma la mia infanzia e la mia adolescenza sono state contraddistinte dalle gioie che ha dato a me e a tutti gli argentini". Il Cuchu ha poi espresso il proprio parere sul Mondiale: "È un Mondiale strano perché le nazionali non hanno potuto fare la solita preparazione, per questo i singoli stanno avendo la meglio sul gioco di squadra. La Spagna è un'eccezione perchè sta mostrando un'identità molto chiara. Favorite? Attenzione alla Germania, è partita male, ma se passa il turno la storia insegna che bisogna sempre fare i conti con i tedeschi".