LA STORIA

L'ala del Chelsea si racconta: "Ho avuto un problema neurologico, non riuscivo a farei un passaggio di 10 metri"

Scritto da Andrea Sperti  | 

Callum Hudson-Odoi, ala del Chelsea, ha parlato del grave infortunio che ha subito la scorsa primavera. Ecco di seguito le sue parole: 

“È iniziato tutto con un forte dolore al tendine d'Achille. Cercavo di compensare correndo diversamente, ma così facendo non ho fatto altro che peggiorare la mia situazione. Si trattava di un problema neurologico che riguardava un nervo della schiena.  Non avevo forza nelle gambe, non riuscivo a fare un passaggio di 10 metri. Dopo tanto tempo, mi sento di nuovo in forma come prima”. 

Entra a far parte del settore giovanile del Chelsea a 8 anni, nel 2007. Nel 2017 inizia ad essere impiegato con continuità dalla squadra Under-21, con cui disputa 6 incontri di EFL Trophy segnando 4 gol. Il 28 gennaio 2018 esordisce in prima squadra subentrando all'81' a Pedro nell'incontro di FA Cup vinto 3-0 contro il Newcastle Utd. Tre giorni dopo debutta anche in Premier League nel corso del match perso 3-0 contro il Bournemouth, diventando (a 17 anni e 84 giorni) il secondo esordiente più giovane in Premier nella storia dei blues dopo Jody Morris (che al tempo, 1996, aveva 17 anni e 43 giorni). Conclude la sua prima stagione da professionista collezionando 4 presenze fra Premier League e FA Cup.

Dopo un ottimo pre-season con il Chelsea, il neo allenatore Maurizio Sarri lo aggrega definitivamente alla prima squadra. Il 5 agosto disputa da titolare la FA Community Shield persa per 2-0 contro i campioni d'Inghilterra del Manchester City, venendo sostituito al 59' da Willian. Il 25 ottobre successivo debutta invece nelle competizioni europee, entrando nel secondo tempo dell'incontro della fase a gironi di UEFA Europa League vinto 3-1 contro il BATĖ Borisov. Un mese più tardi, il 29 novembre, nella prima gara da titolare in Europa League, segna la sua prima rete tra i professionisti in Chelsea-PAOK 4-0. In stagione riuscirà a ritagliarsi spazio nelle rotazioni dell'allenatore dei Blues Maurizio Sarri, che il 3 aprile 2019 lo fa partire per la prima volta da titolare in Premier nel successo contro il Brighton. Tuttavia, il 22 aprile 2019, chiude anzitempo la stagione per via di una lacerazione al tendine d'achille rimediata nel 2-2 contro il Burnley