SERIE A

"A vincere non ci si abitua mai": ecco la gioia del presidente dei biancorossi

Scritto da Andrea Sperti  | 

Silvio Berlusconi, presidente del Monza, ha voluto festeggiare con un post su Instagram la promozione dei brianzoli in Serie A. Per la formazione biancorossa si tratta della prima volta nella massima serie. Ecco di seguito il messaggio lasciato ai suoi followers dell'ex numero uno rossonero:

"Ogni vittoria dà una bella soddisfazione, quella di ieri sera è stata una grande vittoria per una squadra di B che finalmente dopo 110 anni dalla fondazione della società è entrata e può disputare il campionato di A. Quindi allo stadio di Monza accoglieremo il Milan, l'Inter, la Juventus e la Roma, sarà una grande festa sempre.
Ho fatto una chiacchierata con Nicola Porro per Quarta Repubblica".

È conosciuto anche come il Cavaliere avendo ricevuto l'ordine al merito del lavoro, al quale ha rinunciato a seguito di una condanna penale. Ha iniziato l'attività imprenditoriale nel campo dell'edilizia. Nel 1975 ha costituito la società finanziaria Fininvest e nel 1993 la società di produzione multimediale Mediaset, nelle quali convergono altre società come Arnoldo Mondadori Editore e Silvio Berlusconi Communications, rimanendo figura simbolo della sua famiglia.

Nell'ottobre 1993 è entrato in politica e nel gennaio 1994 ha creato Forza Italia, partito politico di centro-destra confluito nel 2008 ne Il Popolo della Libertà e poi rifondato nel 2013. Ha segnato la vita politica italiana dalla metà degli anni novanta in poi con un atteggiamento tipico che è stato definito berlusconismo, ampiamente sostenuto dai suoi seguaci politici e dai suoi elettori, entrando fortemente anche nella cultura di massa e nell'immaginario collettivo italiano ed estero, ma suscitando anche un duro antiberlusconismo da parte degli oppositori, che ne hanno più volte sottolineato il conflitto di interessi accusandolo di emanazione di leggi ad personam.

Eletto alla Camera dei deputati nel 1994, è stato confermato nelle successive quattro legislature, mentre nel 2013 è stato eletto per la prima volta senatore. Ha ottenuto quattro incarichi da presidente del Consiglio: il primo nella XII legislatura (1994-1995), due consecutivi nella XIV (2001-2005 e 2005-2006) e, infine, nella XVI (2008-2011). Con 3340 giorni complessivi è il politico che è rimasto in carica più a lungo nel ruolo di presidente del Consiglio dell'Italia repubblicana, superato in epoche precedenti solo da Benito Mussolini e Giovanni Giolitti; inoltre ha presieduto i due governi più duraturi dalla proclamazione della Repubblica