CHI SONO?

Hanno scritto la storia del Lecce in mezzo al campo: li riconoscete?

Scritto da Andrea Sperti  | 

Guillermo Giacomazzi e Peppe Vives hanno postato una Instagram stories insieme qualche ora fa. I due ex centrocampisti del Lecce sono rimasti grandi amici, nonostante siano passati tanti anni dalla loro ultima partita insieme, ed appena possono si ritrovano per rivivere bei momenti insieme alle loro famiglie. 

In quante occasioni un gol segnato non è stato un vantaggio ma piuttosto una condanna? Nell'estate del 2006, dopo numerose voci che lo accostavano a Salernitana, Avellino, Cavese[10][11] e al Napoli[12], viene acquistato dal Lecce su indicazione di Zdeněk Zeman. Nel campionato di Serie B 2006-2007 diviene rapidamente uno dei punti fermi del centrocampo salentino, riuscendo a ricoprire sia ruoli di interdizione che di costruzione del gioco. Realizza il suo primo gol in serie cadetta contro la Triestina, e si ripete nell'ultima giornata di campionato contro il Pescara.

Nel campionato di Serie B 2007-2008 è uno dei protagonisti del centrocampo della settima promozione del Lecce nella massima serie con 4 gol e numerosi assist, tra cui una doppietta che ha permesso ai salentini di accedere ai play-off.

Il 31 agosto 2008 fa il suo debutto in Serie A in Torino-Lecce 3-0 e il 28 gennaio 2009 segna il suo primo gol nella massima serie firmando il momentaneo vantaggio nella sfida di Verona tra il Chievo ed i leccesi (1-1). Nella sua stagione di esordio in massima serie realizza un gol in 18 presenze, ma non può evitare la retrocessione del club, che torna in Serie B.

Nella stagione seguente campionato di Serie B 2009-2010 è ancora protagonista dell'ottava promozione del Lecce. L'allenatore Luigi De Canio, dimostrando grande fiducia nei suoi mezzi e nella sua qualità del gioco, gli consegna le chiavi del centrocampo salentino per tutta la stagione e lui lo ripaga prontamente con 38 presenze e due gol. Vice del suo Capitano Guillermo Giacomazzi, raggiunge la meritata promozione in Serie A, eletto a fine stagione dal quotidiano La Gazzetta dello Sport il migliore Centrocampista della Serie B.

Il 3 ottobre 2010 alla sesta giornata del campionato di Serie A 2010-2011 indossa per la prima volta la fascia di Capitano nella vittoria per 1-0 contro il Catania, in una stagione contraddistinta da una grande continuità di rendimento. La formazione allenata da De Canio, con Vives al comando del centrocampo, centra la salvezza alla penultima giornata di campionato.