DICHIARAZIONE D'AMORE

Di Maria: “Ora la Juve è diventata casa mia”

Scritto da Staff CS  | 

La collina di Torino come la Zona Norte di Rosario, come Calle Perdriel. Il capoluogo piemontese, dopo poco più di due mesi, è già “aria di casa” per El Fideo Angel Di Maria. Alla faccia di chi sostiene che alla Juventus non sia troppo interessato o affezionato, che il salto da Parigi al Piemonte sia stato oltremodo traumatico. No, non è così. Per nulla: il Fideo è calato “a full”, come dicono in Argentina, è totalmente coinvolto in ciò che accade al club bianconero e lo rivela lui stesso in una intervista esclusiva concessa a 433 nel programma “Deep Dive”. Quando compare sullo schermo una foto del 17 luglio, che lo vede a bordo piscina con Alex Sandro, Paulo Dybala, Danilo, Paul Pogba e Arthur spiega, con la voce incrinata dall’emozione: «Questo scatto risale al mio quarto o quinto giorno in bianconero. Ebbene, sembrava che fossi alla Juventus da 4 o 5 anni. Questa foto dimostra l’affetto e quello che è in realtà la Juventus: una gran famiglia. Per me essere arrivato qui è molto più che importante: mi sento come se fossi a casa. Dal primo giorno». Un messaggio d’amore puro, una dichiarazione d’intenti, una corrispondenza d’amorosi sensi tra il crack argentino e la società bianconera. Totale.

El Fideo a 360 gradi

El Fideo non ha, però, solo parlato di Juventus: ha approfittato dell’occasione per raccontarsi a 360 gradi, per mettere sotto la lente d’ingrandimento non solo il Di Maria calciatore, ma anche e soprattutto l’Angel essere umano. «Cosa vuol dire per me famiglia? Significa essere tutti per uno, sempre, farsi trovare pronto in ogni occasione per mia moglie e le mie figlie. Io lotto, ho lottato e lotterò sempre per loro: sono la mia forza, il mio motore. La mia infanzia è il Rosario Central, lì ho iniziato a giocare a “futbol”, lì ho cominciato ad amare il pallone, una delle cose fondamentali nella mia esistenza. Adoro i tatuaggi, tutti hanno un valore e un significato: ho i nomi di mia moglie e delle mie figlie, le iniziali di ogni membro della mia famiglia. Sulla gamba destra ci sono la casa dove sono cresciuto, il primo pallone con cui ho debuttato in Primera Division, il Monumento a La Bandera di Rosario. Tutto ciò che ho sul mio corpo è speciale. La Copa America? È qualcosa per cui ho combattuto per 13 anni: dimostra il sacrificio, la costanza e il desiderio di centrare l’obiettivo». E chissà che presto, sul corpo del Fideo, non spunti anche un trofeo. Bianconero.