EXTRA SOCIAL

Juventus, non solo Zaniolo: Allegri spinge per un altro attaccante

Scritto da Staff CS  | 

Come uno dei suoi assist illuminanti oppure come uno dei suoi sinistri fulminanti, dal nulla: il passaggio di Paulo Dybala alla Roma è stato così, improvviso come un colpo classico dal repertorio de la Joya. Così i giallorossi accolgono un top player e i tifosi della Juventus alimentano la speranza che un altro top possa percorrere la stessa strada, ma al contrario. Il popolo bianconero ha un motivo in più per continuare a sognare l’arrivo a Torino di Nicolò Zaniolo e l’assist, come ai tempi ormai andati del periodo bianconero, può arrivare proprio da Dybala. Lo spazio in avanti si restringe e Nicolò, a questo punto, diventerebbe ancor meno indispensabile: Josè Mourinho può lanciare il tandem nuovo di zecca composto da Tammy Abraham, uno dei migliori centravanti che possa vantare il campionato italiano, e la Joya argentina, con Lorenzo Pellegrini alle spalle del duo d’attacco e dietro la diga composta da Matic e Cristante.
 

 

Una Roma da piani alti in cui Zaniolo avrebbe sì spazio, considerando gli impegni su tre competizioni, ma non da protagonista assoluto. Il club giallorosso in realtà confida ancora nella possibilità di sedersi al tavolo per ragionare sul rinnovo di contratto, approfittando anche di una ritrovata serenità: superata la freddezza dei primi giorni di raduno e ritiro, sono bastate un paio di amichevoli per ritrovare uno Zaniolo tirato a lucido con 7 kg in meno e subito decisivo in maglia giallorossa anche con la fascia di capitano attorno al braccio. I tifosi romanisti ovviamente non vogliono perderlo e Mourinho ragiona allo stesso modo: in questo senso vanno letti i colloqui sempre più frequenti tra lo Special One e Nicolò, ritenuto un patrimonio della società per primo dal tecnico portoghese. E anche le chiacchierate con i compagni, in particolare Pellegrini che è il leader carismatico della squadra. L’arrivo di Dybala modifica tuttavia lo scenario, almeno in parte: alza il livello della Roma in un’operazione a parametro zero e spiega quali siano le ambizioni giallorosse. Però... Tutto sta nella volontà di Zaniolo e del suo entourage: la missione di Mourinho e di Tiago Pinto sarà quella di convincerlo a restare, possibilmente rinnovando il contratto con una blindatura a prova di Juventus. Ma alla Continassa invece la possibilità di arrivare a Zaniolo resta viva, ancora di più considerando gli ultimi sviluppi del mercato bianconero, soprattutto in uscita. Dalla cessione multimilionaria di De Ligt al Bayern Monaco (favorita economicamente dall’uscita nel frattempo di Lewandowski in direzione Barcellona) sono in arrivo a Torino risorse sufficienti non soltanto per finanziare le operazioni in difesa (una sicura, due più che probabili) ma anche per piazzare almeno un altro colpo roboante dopo i super rinforzi che rispondono ai nomi di Pogba e Di Maria.

Zaniolo resta sempre in cima alla lista dei desideri juventini, ma serve riformulare l’offerta che finora era stata respinta: prestito oneroso con obbligo di riscatto e magari il ragionamento su una contropartita tecnica, mentre Tiago Pinto non ha mai abbassato la richiesta dalla cifra di 50 milioni cash senza giocatori da scambiare. La Juventus dal canto suo auspica che l’arrivo di Dybala nella Capitale avvicini Zaniolo e al tempo stesso spinga la società dei Friedkin ad ammorbidire le richieste. Dal punto di vista romanista, invece, l’innesto di Dybala non comporta l’automatica uscita dell’azzurro: la Roma valuterà eventuali rilanci della Juventus e nel frattempo non perde la speranza di allungare il contratto di Zaniolo. Ecco perché sarà molto pesante, nella bilancia della trattativa, l’opinione di Nicolò. La Juventus inoltre ha la necessità di liberare spazio con le cessioni per fare cassa, risparmiare attraverso il taglio di stipendi pesanti e alleggerire la rosa. La dirigenza bianconera non perde di vista Leandro Paredes per rinforzare il centrocampo e dare ad Allegri un’alternativa di qualità e respiro internazionale in regia: non è una priorità al momento, perché prima bisogna operare in uscita, e l’incastro con il Psg e Kean non è di semplice realizzazione.

Juve, nuovi passi avanti per Morata

Se l’affare De Ligt è ai titoli di coda, con le società pronte al carteggio finale che sancirà il passaggio del difensore dalla Juventus al Bayern di Monaco, i movimenti bianconeri per rinforzare l’attacco non sono ancora così a fuoco. In compenso la strategia sembra chiara e porta al tesseramento in bianconero, sarebbe la terza volta, di Alvaro Morata, rientrato nel frattempo al club che detiene il suo cartellino, l’Atletico Madrid, dopo i due anni in prestito sotto la Mole per un costo complessivo di 20 milioni di euro. Ora per riscattarlo la Juventus avrebbe dovuto sborsare 35 milioni e ha detto “no, grazie”.

Scenari possibili

In realtà si tratta di un “no” non definitivo. L’attaccante piace eccome ad Allegri per via della sua duttilità tattica, può giocare da prima punta o seconda, inserendosi con profitto anche nel tridente in posizione più defilata. Dunque i tifosi bianconeri che hanno sempre nel cuore il bomber iberico vedono alimentare le proprie speranze di un suo ritorno a Torino. Lui, dopo aver gioito per la notizia che diventerà padre per la quarta volta, finalmente di una femminuccia “la mia principessa” - ha detto in un post Instagram -, si sta allenando con i madridisti guidati da Simeone che non lo vede più di tanto. Anzi, lo ha inserito nella lista di coloro che possono essere ceduti. E allora non si tratta che aspettare ancora un po’ di tempo: a meno che non si registrino nuovi colpi di scena il futuro di Morata sembra destinato a tornare bianco e nero. Sullo sfondo resta poi viva la posizione del bolognese Arnautovic, legato in parte a quella di Kean, che potrebbe lasciare la Juve a fronte di una importante offerta.