EXTRA SOCIAL

Un arbitro ancora non ci crede: "Annullare quel gol alla Juve è un insulto al calcio"

Scritto da Staff CS  | 

Mauro Bergonzi, ex arbitro di Serie A, è intervenuto a “1 Football Club”, programma radiofonico condotto da Luca Cerchione in onda su 1 Station Radio. L'ex fischietto ha commentato l'operato degli arbitri nell'ultimo weekend di Serie A: "Hanno arbitrato bene, con serenità, la giusta voglia e quella concentrazione di finire tra i migliori in campo. Ho visto molto bene gli arbitri e sono contento, specialmente per questa fase cruciale del nostro campionato. Marinelli bravo in Inter-Verona, Doveri bravissimo in Torino-Milan. Marinelli tenetelo d'occhio, perché sarà uno degli arbitri migliori della Serie A. Doveri e Marinelli sono stati i migliori del weekend". D'altra parte però Bergonzi ha voluto sottolineare il suo pensiero su uno degli episodi che ha fatto più discutere: il gol annullato alla Juve nella partita contro il Cagliari.

Bergonzi sul gol annullato alla Juve

"È una follia del calcio annullare quel gol, hanno usato il regolamento come la multa del vigile. E' assurdo, il giocatore si volta, chiude le braccia ma il gol viene annullato lo stesso" - ha affermato Bergonzi che ha poi aggiunto: " È opportuno che i vertici si riuniscano e rivedano le regole, perché non si può annullare un gol del genere. Non voglio criticare perchè, se applichi il regolamento al 100% non puoi avere torto, ma bisogna rivedere le regole perchè, annullare quel gol, è un insulto al calcio".

Rabiot, ancora l'arbitro nel mirino: "Sto cercando di capire"

È ancora polemica tra gli arbitri e Adrien Rabiot. Dopo lo sfogo contro Irrati, seguito al ko contro l'Inter allo Stadium ("Giocavamo 11 contro 12"), nel mirino del francese della Juventus stavolta finisce Chiffi, 'reo' di avergli annullato un gol nel match poi vinto in rimonta dalla squadra di Allegri a Cagliari. "Sto ancora cercando di capire" ha scritto il centrocampista bianconero in una storia Instagram, riferendosi al tocco involontario con cui aveva segnato su un tiro di Pellegrini finitogli addosso: la rete non è stata considerata valida dopo l'intervento del Var, che ha rilevato un tocco con il braccio da parte di Rabiot.