STIMA

Ronaldo, nuovo atto dell'intervista: "Allegri tra i migliori al mondo, la Juve cerca sempre di evolvere"

Scritto da Staff CS  | 

Negli ultimi giorni non si parla d'altro che dell'intervista di Cristiano Ronaldo a Piers Morgan. Le sue uscite hanno causato un vero e proprio terremoto al Manchester United, e credere che erano stati pubblicati solamente alcuni estratti dell'intera intervista che è stata divisa in due parti, la prima delle quali è andata in onda stasera su TalkTv, mentre la seconda verrà pubblicata giovedì.
 

Cristiano Ronaldo sul Manchester United e il rapporto con i tifosi
 

A proposito della scelta di tornare al Manchester United: "Ero vicino ad andare al City, è qualcosa di cui ho parlato molto, ci hanno provato molto. Guardiola ha fatto tutto il possibile per portarmi al City. Ma il mio cuore, i miei sentimenti e quello che avevo fatto prima, e Sir Alex Ferguson, ha fatto la differenza". "Non seguo i record, i record seguono me", dice quando gli viene detto che ha battuto il record di magliette vendute quando è tornato al Manchester United. "I fan, per me, sono tutto. Quando ho deciso di lasciare la Juventus, lo United non era nei miei piani, ha sorpreso anche me. Quando ho firmato per lo United mi aspettavo che fosse cambiato qualcosa, ho passato nove anni al Madrid, poi alla Juve... ma sono stato sorpreso in peggio. Era tutto uguale, la tecnologia, tutto. È una cosa che mi ha sorpreso, non me l'aspettavo. Era tutto uguale. Quando ho firmato c'erano anche Sancho e Varane oltre a me, ho pensato che le cose sarebbero andate come avrebbe dovuto essere al Manchester. Sir Alex Ferguson ha lasciato un grosso buco nel club, non solo Sir Alex Ferguson, una persona che penso abbia fatto la differenza, David Gill, il presidente, è un uomo molto, molto buono. E anche la struttura intorno a Sir Alex Ferguson è stata molto importante". CR7 quasi parla già da ex: "In questo momento è un club che non è ai massimi livelli. Spero che in futuro possano esserlo ancora. Non si sono mossi, è come se l'orologio si fosse fermato".
 

Cristiano Ronaldo attacca Rangnick

L'ex Juve, poi, attacca duramente Ralf Rangnick, tecnico che lo ha allenato ai Red Devils: "I progressi da Sir Alex Ferguson sono stati zero. Per fare il confronto con il Real Madrid e anche con la Juventus. Hanno portato un direttore sportivo, Ralf Rangnick, come allenatore. È stata una decisione ridicola? Certo. In fondo non l'ho mai visto come un capo, non l'avevo mai sentito nominare, è una cosa che non capisco, sono i nuovi pullman che arrivano, pensano di trovare l'ultima Coca Cola nel deserto, che è quella. Non capisco, il calcio è stato inventato molti, molti anni fa. Ma rispetto qualsiasi allenatore, ogni approccio diverso, opinioni diverse, mentalità diversa, ma su alcuni punti non sono d'accordo. Quindi sono sempre stato così nella mia vita. Sono sempre stato così, anche con i migliori allenatori nel mondo: Zidane e Ancelotti, Mourinho, Fernando Santos, Allegri... Quindi ho un po' di esperienza perché imparo da loro. E quando vedi arrivare degli allenatori che vogliono inventare il calcio, io non sono d'accordo, ho la mia opinione. Sono in disaccordo, ma fa parte del business perché alla fine io sono in un club per vincere e con la mia esperienza voglio aiutare. Come sempre, e alcuni allenatori che non accettano e, sai, fa parte del lavoro".