EXTRA SOCIAL

Razzismo Koulibaly, attacco ai tifosi dell’Atalanta: “Idioti senza cervello”

Scritto da Staff CS  | 

Atalanta-Napoli è terminata con l’ennesimo episodio di razzismo nei confronti di Kalidou Koulibaly. Il difensore senegalese è stato di nuovo vittima di frasi di pessimo gusto da parte di una frangia della tifoseria bergamasca.

Razzismo Koulibaly: duro attacco ai tifosi dell’Atalanta

Al termine di Atalanta-Napoli, Kalidou Koulibaly è stato di nuovo vittima di un episodio di razsimo. Il difensore azzurro, uscendo dal campo, si è sentito rivolgere insulti pesanti da parte di alcuni tifosi bergamaschi. Dalla curva è volato qualche “Ne**o di mer*a” e qualche verso della scimmia.
 

Episodi di razzismo a cui non è nuovo il pubblico dell’Atalanta verso Koulibaly e a cui anche lo stesso calciatore del Napoli si sta amaramente abituando in giro per l’Italia.

Nella notte è arrivato un fortissimo messaggio di sostegno (e contro i tifosi dell’Atalanta) da parte della Federazione Senegalese, attraverso il profilo ufficiale su Twitter.

 

“Fedeli alle loro tristi abitudini, alcuni tifosi bergamaschi dell’Atalanta hanno mostrato ancora una volta la loro pochezza umana, pronunciando insulti spregevoli e razzisti rivolti al nostro capitano e leader Kalidou Koulibaly”.

Razzismo contro Koulibaly: Senegal contro i tifosi dell’Atalanta

La Federazione del Senegal si è schierata al fianco di Kalidou Koulibaly dopo gli episodi di razzismo di Atalanta-Napoli. Su Twitter c’è stato un attacco diretto e frontale ai tifosi bergamaschi che si sono contraddistinti in negativo alla fine della partita.
 

“Questi idioti senza cervello non devono avere posto in uno stadio. Forza Kalidou, il popolo senegalese ti sostiene con tutto il cuore e si presenta come un unico uomo per essere orgoglioso del tuo coraggio, della tua esemplarità e della tua appartenenza alla nostra razza e al nostro paese”.

Sul razzismo verso Koulibaly –Capitan coraggio, non ti raggiungeranno mai. L’hai detto tu stesso durante il ricevimento al Palazzo della Repubblica dopo la nostra vittoria in Coppa d’Africa. ‘Siamo uccisi ma non disonorati’: il Senegal e l’Africa sono orgogliosi di te.

Sei l’intrattabile difensore del nostro colore, della nostra identità e della nostra cultura. Ecco perché sei la nostra più bella e più forte rappresentazione“.
 

Il sindaco di Bergamo: “Che vergona il razzismo contro Koulibaly”

Anche il sindaco di Bergamo, Giorgio Gori, ha espresso tutto il suo disprezzo per i cori razzisti nei confronti di Kalidou Koulibaly.

“Che vergogna gli insulti razzisti di alcuni tifosi dell’Atalanta oggi allo stadio. I pochi che hanno urlato non ci rappresentano, ma riescono a farci fare una pessima figura. Le scuse mie e dei bergamaschi sani agli amici del Napoli”.