Serie A, San Siro abbattuto: ecco dove giocheranno Inter e Milan

Scritto da Staff CS  | 

Lo storico stadio di Serie A, San Siro messo giù per decisione presa da Inter e Milan pronti a giocare in un nuovo impianto. Ecco a cosa porta la demolizione dell’impianto.

Serie A, abbattuto San Siro: Inter e Milan, decisione ufficiale

Si procede per abbattere San Siro, clamorosa svolta per il calcio italiano. L’impianto che ospita le gare casalinghe di Inter e Milan si trova di fronte agli ultimi atti di quella che è stata denominata “La Scala del Calcio”, con il fascino e la storia del calcio in Italia.

Milan e Inter non giocheranno più a San Siro, lo stadio sarà abbattuto. Relazione congiunta da parte delle due società, inviata a Roma, come riportato da i colleghi de Il Corriere della Sera.

In mattinata, il quotidiano, ha rivelato la notizia: San Siro sarà abbattuto, presto i due club giocheranno in un nuovo modernissimo impianto. Ecco quale campo ospiterà Inter e Milan, nella loro nuova casa.

Inter e Milan, giù San Siro: pronto il nuovo stadio

Nuovo stadio per Inter e Milan, San Siro sarà abbattuto. È la decisione di Inter e Milan, per quanto riguarda lo stadio di casa dei due club. Sarà tenuta in piedi una sola delle tre torri, con la decisione di destinare proprio l’unica torre che resterà in piedi come sede ufficiale dei due club di Milano.

 

Secondo quelli che sono gli stessi rumors, il nuovo stadio di Inter e Milan sarà un vero e proprio gioiellino. Un edificio con doppia torre, con uffici di 17 piani e alto 87 metri. Il centro congressi formato in 4mila metri quadri, più un centro commerciale enorme, per ospitare tifosi e appassionati. Oltre agli spazi già citati, centri e musei dedicati allo sport, più il centro di attività sportive, con spalti e campo.

 

Inter e Milan, ecco quando sarà disponibile il nuovo stadio

Inter e Milan si preparano dunque a salutare San Siro, il nuovo stadio sarà pronto tra diversi anni. L’abbattimento di San Siro arriverà a cavallo tra il 2025 e il 2030 perché i lavori – che prenderanno il proprio via il 2024 – potrebbero appunto terminare entro il 2030.